SIGNAWORLD

 

The "OBAMA SIGNA"

 

OBAMASIGNA

 

 

Using GPS technology, the italian artist Costantino Morosin has created a giant portrait of Barack Obama over the U.S.A.. The work is both drivable and visible on satellite navigators and touches many large and small art and science museums in various states.  The "OBAMA SIGNA" can be downloaded free from the website signaworld.org onto one's computer, satellite navigator or mobile telephone from  November 2008.

 The well defined complete outline of Obama's figure is constituted by a double line, a ribbon thirty thousand kilometers long within which the artist will complete a series of thematic images regarding events concerning the future President and our planet. This space- temporal account uses imagery that originated in Assyro Babylonian cylindrical seals, matured with the spiral of Trajan's column in Rome and, continuing with the splendid example of the Bayeux tapestry, has evolved into the language of cinema and now into a ribbon of images practicable and closely related to the earth. 

These images are generated and gain significance from the territory, at the same time tracing the facial features of the President of the U.S.A..

 Morosin would like to thank the GPS, Garmin, Navteq and MapSource for the use of instruments and cartography which have enabled him to realize an evolution of the human language through new expressive possibilities and a series of applications over which the artist has held the intellectual property since 2003.

 Many supporters of the future President will want to locate with precision the outline of the portrait and enter the confines of the figures where these touch their own city and daily environment.

Their number could be considerable as Obama's portrait, completed by a series of stars, directly involves forty-five major U.S. cities and two thousand other towns and villages from Alaska to Florida.

The contribution of the media is fundamental in making known the existence of this portrait , the local boundaries and the main ideas of the work . The artist invites the public to download the "SIGNA" 

onto their own sat.nav.systems and travel within their own neighbourhoods over some of the features of the figure.

Costantino A. Morosin is currently working on a book to be published in the near future whose theme is the birth and how some of these works have already been on a local and global scale..

 

 

“SIGNA Obama ”                  

L’artista italiano Costantino A. Morosin* ha creato con tecnologia satellitare GPS un grande ritratto di Barack Obama sopra gli USA. L’opera è percorribile e visibile sul navigatore satellitare e tocca molti grandi e piccoli musei d’arte e di scienza nei vari stati. Il  “SIGNA Obama”, si può scaricare gratuitamente dal sito signaworld.org sul proprio computer, sul navigatore satellitare o cellulare a partire dal prossimo Novembre.

Il  tracciato complessivo del ritratto già ben definito è costituito da un doppio segno all’interno del quale l’artista completerà una serie di immagini tematiche relative alle vicende del futuro Presidente e del nostro pianeta. Una narrazione spaziotemporale per immagini che ha la sua origine nei Sigilli cilindrici Assiro Babilonesi, che è maturata con la spirale della Colonna Traiana a Roma e continuando con lo splendido esempio dell’Arazzo di Bayeux  si è evoluta nel linguaggio del cinema ed ora in un nastro di immagini georeferenziate percorribili che nascono e prendono significato dal territorio tracciando allo stesso tempo i lineamenti del volto del Presidente degli USA.                                                                                                                                                                        

Morosin ringrazia GPS, Garmin, Navteq , Map Source per gli strumenti e cartografie fino ad ora usate per realizzare e visualizzare queste opere chiamate SIGNA, che mostrano nuove possibilità espressive ed applicazioni sulle quali dal 2003 l’artista ha la proprietà intellettuale.

Molti sostenitori del futuro Presidente avranno voglia di localizzare  con precisione i tracciati del ritratto , entrare nei confini delle figure, quando queste toccano la propria città, il proprio ambiente quotidiano. E potrebbero essere davvero tanti visto che il ritratto di Obama, completato da una serie di stelle, coinvolge direttamente quarantacinque fra le più importanti città degli USA e  duemila altre città e villaggi dall’Alaska alla Florida.

E’ fondamentale l’apporto dei mass media per far conoscere l’esistenza di questo ritratto, i  tracciati locali ed i temi dell’opera.  L’artista invita il pubblico a scaricare  il SIGNA  sul proprio navigatore e a percorrere nella realtà del proprio territorio alcuni tratti della figura.  Costantino A Morosin sta lavorando ad un libro di prossima pubblicazione sulla nascita ed evoluzione dei linguaggi, sulla storia e sulla sintassi dei SIGNA e su alcune di queste opere già realizzate su scala locale e globale.

 (Costantino A Morosin, ha la proprietà intellettuale delle opere SIGNA. I SIGNA sono sotto tutela SIAE e  Washington Copyright. Nessuna immagine di SIGNA o testo può essere riprodotto anche in parte senza il permesso scritto di Costantino A Morosin. Il termine SIGNA, il termine Morosin, il nome del SIGNA deve essere presente in qualsiasi titolo o sottotitolo di testi, filmati o immagini riferite ai SIGNA. I titoli delle opere SIGNA non possono essere tradotti o modificati. Le immagini dei SIGNA fornite non possono essere distorte, elaborate o tagliate). Per ogni altra informazione scrivere a costantino@morosin.com

Costantino Morosin - Via Sinibaldi 8                                                                                                             01030 Calcata – Viterbo - IT                                                                                                                WWW.morosin.com                                                                                                                  

costantino@morosin.com                                                                                                                                 Tel. +39 (0761) 587813 cell. 3331929123                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

 

*Costantino Anacleto Morosin www.morosin.com di origine veneziana vive e lavora a Calcata un antichissimo villaggio, cinquanta chilometri a nord di Roma, che assieme ad altri artisti ha fatto rinascere all’insegna della creatività. Pittore, scultore, con interesse per l’antropologia, l’evoluzione dei linguaggi e le tecnologie, fondatore del Museo di Arte nella  Natura ” Opera Bosco”, dal 2002 con i SIGNA crea opere d’arte di nuova concezione che portano nella sfera del comportamento simbolico creativo artistico strumenti e tecnologie satellitari fino ad ora rimaste nell’ambito dell’utilità.  

Scrive Simonetta Lux, direttore MLAC, Professore di Storia Contemporanea, Università “La Sapienza” di Roma:                                                                                                                                                                                    Con i SIGNA, Morosin, risponde positivamente e costruttivamente, rispetto al contesto del più recente dibattito su arte e nuove tecnologie  e sulla riscrittura dello statuto e della funzione dell’arte nel mondo globalizzato e post-industriale e post-mediale.

Scrive Paolo Gaudenzi, direttore SMART- LAB, Dipartimento di Ingegneria Spaziale e Astronautica, Università “La Sapienza” di Roma:                                                                                                                                                                    Riscontro nelle opere di Morosin due elementi di forte interesse, “lo sviluppo di una dimensione creativa attraverso l’uso dello strumento tecnologico per progettare usufruendo di tutta la dimensione globale /spaziale” e “ l’aver individuato nella dimensione artistica una delle possibili aree di applicazione degli strumenti satellitari.                                   

 

 

 

 

 

.