Notizie

31 Ott 2021

Ho realizzato un Graffito Tecnoprimitivo SIGNA, un grande volto tracciato con tecnologia satellitare 39 x 33 km con fulcro sulla città di Jaru, nello stato di Rondonia in Brasile.

Denuncia la distruzione delle foreste pluviali che sottolinea coi temi delle sue narrazioni, un filo di Arianna lungo 797 chilometri che unisce i tacciati di trenta disegni site-specific e un verso di Dante Alighieri.

I SIGNA sono grandi disegni immateriali che si attraversano e vedono in Realtà Aumentata con SIGNAart, una mobile app che ho realizzato per poter disegnare in scala uno a uno sul… continua

18 Set 2021

I SIGNA, portano nell’arte i concetti di cognizione geolocalizzata e di immaterialità dell’opera.

Il primo precisa il rapporto fra fenomeno e luogo e sotto il profilo filosofico cerca di ripristinare un fondamentale dato di verità sconvolto dall’ubiquità dei linguaggi di rappresentazione sviluppati  nel ventesimo secolo. Il secondo promuove l’immaterialità dell’opera d’arte ed è un invito etico.

 Si è visto che la creatività umana è stata proporzionale alla trasformazione e consumo dell’ambiente e della sua naturalità, il riscaldamento globale lo testimonia.

 È… continua

17 Mar 2021

In questi giorni si parla molto di NFT (Non Fungible Token), un certificato elettronico con un codice criptato e la firma dell’artista che attesta l’unicità e la proprietà di un “oggetto digitale”. 

In effetti, quando la proprietà è certificata da una informazione legata all’intangibile, il problema si complica.

Anche le mie opere SIGNA sono immateriali ma questo problema l’ho risolto col Teorema dell’Unicità: un tracciato dal punto A al punto B è infungibile se è geolocalizzato secondo il datum WGS84.

Il Teorema dell’Unicità o dei segni infungibili, che ho… continua

22 Gen 2021

Giovanni, un amico artista, ex pilota, mi ha inviato oggi una intervista con la sua importante testimonianza circa un grave incidente aereo che lo ha coinvolto molti anni fa. Racconta questa esperienza terribile, ora che ha più di ottant’anni, con l’accuratezza e sensibilità di sempre e che, anche allora, lo ha salvato. 

Descrivere questo evento durato pochi secondi, riuscire a farlo nel dettaglio psicofisico è da pochi, dunque una testimonianza rara e preziosa che mi permette di esplorare, sia pure di riflesso, modi che rivelano altre forme di percepire lo spazio, che tratterò in… continua

14 Gen 2021

Ho pubblicato una vecchissima foto su FB, certe foto non invecchiano mai, come le gemme.

Sono davanti allo Squero di San Trovaso a Venezia, col Ministro dell'Aménagement  et Territoire del Ciad mio ospite, di ritorno da un viaggio di esplorazione e lavoro in Africa e quello che potevano insegnarmi amici come Franco Siciliano di UNDP e il Ministro, mi cambiarono la vita.
Uia Niele, mi permise di entrare nei misteri dell’Africa più profonda, Franco in quelli a me allora sconosciuti di una idea universale delle cose.

Avevo 25 anni, lavorando per organismi internazionali… continua

30 Dic 2020

Si la danza è anche una delle espressioni umane più antiche e complete. La danza è una chiave di comprensione della formazione della prima idea di rappresentazione dello spazio attraverso la narrazione e trasposizione in un solo luogo con gesti, di attività e movimenti naturalmente svolti nel territorio da un gruppo umano. È una definizione che ho ricavato da mie ricerche su danze primordiali osservate direttamente nel sud del Ciad.

Attrarre in un solo luogo, attraverso la loro rappresentazione e fissare nella pietra, significati emergenti o stratificati nel territorio è stato un… continua