Notizie

31 Ott 2021

Ho realizzato un Graffito Tecnoprimitivo SIGNA, un grande volto tracciato con tecnologia satellitare 39 x 33 km con fulcro sulla città di Jaru, nello stato di Rondonia in Brasile.

Denuncia la distruzione delle foreste pluviali che sottolinea coi temi delle sue narrazioni, un filo di Arianna lungo 797 chilometri che unisce i tacciati di trenta disegni site-specific e un verso di Dante Alighieri.

I SIGNA sono grandi disegni immateriali che si attraversano e vedono in Realtà Aumentata con SIGNAart, una mobile app che ho realizzato per poter disegnare in scala uno a uno sul… continua

18 Set 2021

I SIGNA, portano nell’arte i concetti di cognizione geolocalizzata e di immaterialità dell’opera.

Il primo precisa il rapporto fra fenomeno e luogo e sotto il profilo filosofico cerca di ripristinare un fondamentale dato di verità sconvolto dall’ubiquità dei linguaggi di rappresentazione sviluppati  nel ventesimo secolo. Il secondo promuove l’immaterialità dell’opera d’arte ed è un invito etico.

 Si è visto che la creatività umana è stata proporzionale alla trasformazione e consumo dell’ambiente e della sua naturalità, il riscaldamento globale lo testimonia.

 È… continua

17 Mar 2021

In questi giorni si parla molto di NFT (Non Fungible Token), un certificato elettronico con un codice criptato e la firma dell’artista che attesta l’unicità e la proprietà di un “oggetto digitale”. 

In effetti, quando la proprietà è certificata da una informazione legata all’intangibile, il problema si complica.

Anche le mie opere SIGNA sono immateriali ma questo problema l’ho risolto col Teorema dell’Unicità: un tracciato dal punto A al punto B è infungibile se è geolocalizzato secondo il datum WGS84.

Il Teorema dell’Unicità o dei segni infungibili, che ho… continua

22 Gen 2021

Giovanni, un amico artista, ex pilota, mi ha inviato oggi una intervista con la sua importante testimonianza circa un grave incidente aereo che lo ha coinvolto molti anni fa. Racconta questa esperienza terribile, ora che ha più di ottant’anni, con l’accuratezza e sensibilità di sempre e che, anche allora, lo ha salvato. 

Descrivere questo evento durato pochi secondi, riuscire a farlo nel dettaglio psicofisico è da pochi, dunque una testimonianza rara e preziosa che mi permette di esplorare, sia pure di riflesso, modi che rivelano altre forme di percepire lo spazio, che tratterò in… continua

14 Gen 2021

Ho pubblicato una vecchissima foto su FB, certe foto non invecchiano mai, come le gemme.

Sono davanti allo Squero di San Trovaso a Venezia, col Ministro dell'Aménagement  et Territoire del Ciad mio ospite, di ritorno da un viaggio di esplorazione e lavoro in Africa e quello che potevano insegnarmi amici come Franco Siciliano di UNDP e il Ministro, mi cambiarono la vita.
Uia Niele, mi permise di entrare nei misteri dell’Africa più profonda, Franco in quelli a me allora sconosciuti di una idea universale delle cose.

Avevo 25 anni, lavorando per organismi internazionali… continua

30 Dic 2020

Si la danza è anche una delle espressioni umane più antiche e complete. La danza è una chiave di comprensione della formazione della prima idea di rappresentazione dello spazio attraverso la narrazione e trasposizione in un solo luogo con gesti, di attività e movimenti naturalmente svolti nel territorio da un gruppo umano. È una definizione che ho ricavato da mie ricerche su danze primordiali osservate direttamente nel sud del Ciad.

Attrarre in un solo luogo, attraverso la loro rappresentazione e fissare nella pietra, significati emergenti o stratificati nel territorio è stato un… continua

24 Dic 2020

Il critico Jerry Saltz ha scritto un libro ”Come essere un Artista ”, Francesco Bonami  ne parlava ieri su La Repubblica*.

L’artista non è un canarino che canta gioiosamente e il presente non è un concetto, è un fatto, cioè una esplosione di vitalità che senz’altro coinvolge anche il futuro. 

Già ho scritto, però che, come esiste la gravità, esiste anche un moto, direi altrettanto obbligato riferito all’evoluzione culturale che ora tocca anche l’arte, una sorta di caduta che avviene da milioni di anni, della materia verso lo spirito, dal materiale all’immateriale, dalla non… continua

21 Dic 2020

È la mattina del 21 dicembre 2020, giorno dell’allineamento di Giove e Saturno, evento avvenuto l’ultima volta 400 anni fa. Quest'anno anche il solstizio d'inverno cade proprio in queste ore. Penso a qualche mia opera nata per abbracciare il passato e stringerlo al presente.

Fu a Porta Segreta, Spazio di Giancarlo Croce, che presentai nel 1983 la mia opera “Ologramma dell’Uovo della Rinascita” formata da un mio ologramma che mostrava a mezz’aria un Uovo immateriale, simbolo di rinascita per gli Etruschi e per Noi nuovi abitanti del Borgo, un omaggio alla storia locale e una fra le… continua

8 Dic 2020

L’arte contemporanea vive nella società contemporanea e questa vive nel pianeta Terra.

Il riscaldamento globale galoppa, è frutto di una visione sbagliata della produzione che alla fine riduce la biodiversità e provoca sconvolgimenti economici e culturali in grandi aree e conflitti col rischio di usare per errore o intenzione, enormi forze distruttive che compromettono la stessa esistenza del genere umano.

Il problema c’è, e anche l’arte potrebbe essere uno strumento per contribuire a risolverlo. L’arte non ha briglia e non deve necessariamente veicolare valore etico. … continua

2 Dic 2020

Se l’umano vincerà l’inerzia di questa violenza che viene dal modo con cui è avvenuto il processo di ominizzazione, caratterizzato dalla sopraffazione e riuscirà a non autodistruggersi, si muoverà in una direzione evolutiva quasi obbligatoria. 

Credo che per praticità, presto si assegneranno delle leggi convenzionali, esprimibili con equazioni anche a quello che succede nella mente, nello stesso modo col quale si sono trovate e assegnate delle regole al mondo della materia regolato dalle meccaniche dalla gravità. 

In ogni caso, il processo dalla materia al bios e dal bios… continua

1 Dic 2020

Angela Vettese, con nove belle domande rivolte alla piramide dell’arte, mette l’attenzione su un tema cruciale per l’arte contemporanea e i suoi nuovi supporti elettronici. L’ultima domanda: “un'opera d'arte visualizzata su un computer può ripristinare l'idea del piedistallo”? 

Le risposte apriranno OBOE, una nuova rivista accademica (due numeri l’anno) dedicata al mondo dell’arte contemporanea e alle mostre.

In questa domanda c’è però un piccolo trucco semantico superabile con l’antica fede. 

Tecnica e contenuto si sono sempre contaminati. Ora si possono creare con… continua

28 Nov 2020

Il tuo “qui”, lo vedi in rapporto a quello che riconosci nel paesaggio. Ma se non riconosci nulla, perché sei in uno spazio senza riferimenti o hai una velocità tale da non poterli memorizzare, il tuo qui lo puoi cominciare già a percepire in rapporto delle mie opere SIGNA, perchè sono elementi narrativi riconoscibili, presenze nello spazio reale a scala utile alla tua capacità e velocità di percepirle.

 Questi tracciati immateriali possono avere anche grandezze smisurate e possono essere intesi come elementi di riconoscimento e orientamento spaziale, mappe concepite per essere… continua